HotelsClick.com

Hotel Mauritania

Scegli dove dormire in Mauritania: tra gli alberghi disponibili

+
Codice sconto

La Mauritania è uno Stato dell'Africa Occidentale che confina con il Marocco a nord, l'Oceano Atlantico ad ovest, il Senegal a sud ovest, il Mali al sud e ad est e l'Algeria a nord-est.
Non va confusa con l'antica nazione di Mauretania. La Mauritania e il Madagascar sono le uniche nazioni ad utilizzare una moneta non decimale. La città capitale, e la più grande, è Nouakchott, che si trova sulla costa atlantica.

Principalmente sahariana e saheliana a sud, il suo territorio è per il 75% deserto sabbioso e roccioso. La cima principale è il Kédia d'Idjil di 915 m. Situata a nord nei pressi di Zouérate, a causa del selvaggio sfruttamento minerario sta subendo una lenta erosione. I principali massicci montuosi, Adrare e Tagant, non superano l'altitudine di 600m, ai loro piedi si estendono grandi altopiani che caratterizzano la parte settentrionale e orientale della Mauritania.
In Mauritania esistono tre regioni climatiche: quella di Nouakchott, con influenza marittima e alisei costanti; la regione del fiume Senegal con alte temperature per sei o sette mesi l’anno, il clima più umido favorisce la savana; la regione sahariana dal clima torrido con forti escursioni termiche giornaliere, in inverno le temperature notturne possono avvicinarsi allo zero.

Lingua ufficiale nonché nazionale è il dialetto arabo noto come Hassaniya. Il francese, lingua ufficiale "de iure" assieme all'arabo fino al 1991, mantiene un ruolo di seconda lingua "de facto" del Paese.
Dal punto di vista etnico, la popolazione è così composta: arabi 30%, neri 30%, individui di origine mista 40%. Il rapporto tra la comunità di colore e quella di origine araba risulta ancora oggi caratterizzato da forti contrasti.
Il 99,84% degli abitanti professa la religione islamica, soprattutto nella confessione sunnita. La costituzione sancisce che la Mauritania è una repubblica islamica e decreta che l'Islam è la religione dei cittadini dello Stato. Il governo limita la libertà di religione. La professione di una differente religione è tollerata, con limitazioni nel proselitismo e nella diffusione di materiale religioso.