HotelsClick.com

Hotel Senegal

Scegli dove dormire in Senegal: abbiamo oltre 66 alberghi disponibili in 12 città

+
Codice sconto

Il Senegal, ufficialmente Repubblica del Senegal è uno Stato dell'Africa occidentale, con capitale Dakar.
Il suo territorio si estende per circa 200 000 km² nell'estrema parte occidentale dell'Africa sudanese, sulla sinistra idrografica del fiume omonimo e sui bacini idrografici di alcuni fiumi minori; ad ovest si affaccia sull'oceano Atlantico. Il territorio senegalese si estende nel cosiddetto Sahel, la zona di transizione fra le regioni aride sahariane e quelle umide dell'Africa guineana. Il clima è tropicale, con una lunga stagione secca invernale e una stagione umida estiva la cui lunghezza aumenta procedendo da nord verso sud; il manto vegetale prevalente nel paese è quindi quello della savana, in alcune aree alterata a causa della fitta presenza umana. Circonda quasi interamente lo Stato anglofono del Gambia, che si estende lungo l'omonimo fiume.

Il territorio è in gran parte pianeggiante, in piccola parte presenta rilievi montuosi di origine vulcanica che formano le isole di Capo Verde. I fiumi più importanti sono il Senegal, che segna il confine settentrionale, il Gambia e il Casamance; gli altri hanno carattere torrentizio. A nord le coste sono basse, a sud sono costellate di lagune.
La lingua ufficiale del Senegal è il francese, a cui si affiancano 6 lingue nazionali.

Secondo le statistiche ufficiali, la popolazione senegalese è composta da musulmani sunniti per il 92%, da cristiani per il 6% e da animisti per il restante 2%. Sono presenti anche 1155 testimoni di Geova. Molti senegalesi si dichiarano musulmani o cristiani ma sono in realtà legati anche a forme di religione tradizionale. Un profondo processo di sincretismo ha reso possibile la coesistenza delle religioni tradizionali con quelle rivelate.
Il gruppo etnico dominante è quello dei Wolof, insediati soprattutto al centro del paese, a Nord-Est di Dakar e sulla costa. Altre due etnie dominanti sono i Sérèr e i Fula. Questi popoli e varie minoranze non sono in guerra tra loro, anche grazie al rapporto di cousinage che esiste tra loro, che consente di tenere conversazioni confidenziali e scherzose anche fra estranei.